Cerca nel blog

giovedì 27 luglio 2017

SONETTO BISENSO









SONETTO BISENSO

Sapessi quanto cerchi la mia luna
e quanto guardi il sole, mentre sale
ad imbiancarla e perderla , chè l'una
da lui ha luce (è come sciolto sale).


Il sole caldo illumina e la porta
a dare luce come fa la lira,
che dona musica, ma come porta,
apre alle corde e al tocco,(neanche l'ira

riuscirà senza a farla) e pur la viola,
è triste e vede nascere una viola
nel prato, e piange e dice : di lei amo

che con radici sappia fare pesca,
la vita morde, come dolce pesca :
(la nota cerco appesa in dita all'amo).


 

domenica 23 luglio 2017

IO NON SONO

 
 
 
 
 
 
 
 
 
IO NON SONO
 
Ma io non sono le mie circostanze,
non ho venduto i pezzi del mio cuore,
che resta intero e vuole anche il dolore,
io mi ribello dentro le mie stanze.

 
In questo tempo,chiuso al sentimento,
l'anima ascolto, poiché mi commuove
quell'io bambina, pronta al cambiamento,
che vuole andare dentro strade nuove.
 
Allora muto, quando non le amo,
le circostanze simili a prigioni,
e le sconfiggo in cerca di emozioni.

Tutti saremo solo quel che siamo
se, aprendo il cuore, fuori dalle stanze,
rinverdiremo tutte le speranze.

sabato 22 luglio 2017

VOGLIA D'ALTRO












VOGLIA D'ALTRO

Avere voglia d'altro... ( ho dentro un sogno
che cerca spazio eppure chiamo "niente"
ma, mentre ignoro, cresce il mio bisogno,
che mi trasporta altrove, prepotente)

Avere voglia d'altro, delle coccole,
vuol dire avere voglia di volare,
immaginare storie e mille frottole,
per non morire, come fiume al mare.

Avere voglia d'altro e non capire
che il mondo intero è dentro le mie mani,
che tra le dita serro i miei domani.

Avere voglia d'altro e non sentire
che questa smania nasce dall'amore
che, chiuso dentro, piange e forse muore.

venerdì 14 luglio 2017

NELLA MEMORIA

 
 
 
 
 
 
NELLA MEMORIA

E' la memoria a tessere la vita,
a darle forma, luogo, tempo e fiato,
così che nasca e cresca, infinita,
la storia nostra, dentro un cuore nato


per fiabe belle dette verità,
per emozioni intense e la bellezza,
che colorando vanno la realtà
di rosa o nero ( quando il cuore spezza).

Ma la memoria cede ai segni oscuri,
muta le curve e mobili ha i volumi,
con dimensioni folli fa tratturi,

che nella mente mostrano dei lumi
a noi, che andiamo fragili e insicuri,
con l'io raccolto, in traccia di barlumi.
...........
Ed ecco ancora a chiedermi che sia
avere un corpo, come fosse questo
l'unico pegno da lasciare via
nel giorno quando andare c'è funesto.

Eccomi a dire, amore che mi manchi:
ti vivo dentro, credimi è verissimo,
d'offrirci baci mai saremo stanchi
anche restando sempre lontanissimo.

Nella memoria mia resta la traccia
che hai scavato dentro carne e sangue,
benché lo neghi e voglio che si taccia.

Nella memoria sua, dell'universo,
resta una traccia viva, che mai langue,
del gran cammino umano mai disperso.

 

lunedì 3 luglio 2017

NOI SIAMO IL MARE

 
 
 
 
 
 


 
 
 
NOI SIAMO IL MARE
 
Noi siamo il mare e siamo anche le onde,
siamo la spuma bianca che svanisce,
l'attimo siamo, siamo movimento,
fermento d'anime infinito e perso
e ritrovato, dove il tempo cede,
siamo la fede, siamo la speranza.
 
Noi siamo carne viva, siamo danza,
e fiore aperto ( quando amore vede),
siamo quel fiato lieve, che disperso,
rotola e gira  preso dal tormento
e poi s'acquieta stanco e intenerisce,
mentre perisce e al tutto si confonde.

Noi siamo il cielo, siamo pure luna,
siamo la quercia e siamo il pettirosso,
la foglia siamo, secca quando cade,
e a primavera bianca margherita,
siamo la neve, siamo fiume al mare,
e siamo il monte dove l'acqua nasce.

Noi siamo bimbi stretti nelle fasce,
siamo la madre prima che scompare,
siamo quel sangue ch'esce da ferita,
siamo l'ortica al ciglio delle strade,
e la mentuccia nata dentro al fosso,
siamo le spore in cerca di fortuna.


Noi siamo il mare e tutto quanto appare.