Cerca nel blog

lunedì 11 luglio 2016

AMORE MAGICO












AMORE MAGICO

Magia che porti amore e accoppiamenti,
ed i tormenti
a chi senza rimane eppur li vuole,
  (è come il sole)
 che con i raggi ingravida e feconda
  (solleva l' onda)...
  dicevi: - quello, sai, lo fa la luna,
 è la fortuna,
 che guida e miete vittime e candore,
ma più l'amore
innalza onde e muove tutto il mare,
  lui lo sa fare-
Magia che va perdendosi e sconfina,
lì tra la brina,
brilla sui fiori e sembra gocce in pianto,
ma dolce è intanto,
magia che porti amori e accoppiamenti
degli elementi,
giochi proibiti fatti per osare,
(tu devi amare!)
pertanto questa è forza eppure legge,
che il mondo regge,
nostra è la vita magica, è un dono,
ci dà il perdono.
Se mi perdoni dammi un volo d'ali,
toglimi i mali,
e se tu m' ami stringimi più forte,
scaccia la morte.
Magia che voglio resti: non finire,
fino al morire,
morire è solo frutto d'apparenza,
è una semenza,
vivere è solo dire - fallo ancora!-
(...Che fugge l'ora)

giovedì 7 luglio 2016

GLOSA DELLA GELOSIA





 
 
 


D'ODIO VI PARLO, INVECE SENTO AMORE
 
 
D'odio vi parlo, invece sento amore:
rosso, il tramonto incendia la montagna,
la sera rosa scardina il mio cuore,
l'anima soffre, tace e non si lagna.
 
D'odio vi parlo, invece sento amore:
chi m'ha ferita, dentro così chiamo,
manca al mio corpo, provoca dolore,
ma come posso odiarlo, se poi l'amo?
 
 l'anima soffre, tace e non si lagna,
ogni pensiero lieto si è mutato,
pace non gode, pesa la montagna
del mio respiro che non trova fiato.
 
La sera rosa scardina il mio cuore:
di vuoti baci sono ora sognante,
amo l'amore, l'amo, ma mi muore
in questa sera, fatta per l'amante.
 
Rosso, il tramonto incendia la montagna:
divampa il fuoco, scende giù dal cielo,
dove la roccia viva mi è compagna.
Amo, non odio. Nell'odio, amore celo.
 
 
 
 
 

mercoledì 6 luglio 2016

CON IL MIO VISO TRA LE MANI

 
 
 
 
 
 

 


 
 
CON IL MIO VISO TRA LE MANI
 
Con il mio viso chiuso tra le mani,
così rimani,
e nutri gli occhi tuoi di brezza e sale,
come dal mare,
i seni ho pieni e turgidi di miele,
sono le vele,
che come le ali portano lontano,
 (fai piano piano)
le tue carezze calde le hanno amate,
e liberate,
come lenzuola bianche di oro e seta,
  soffio di vita,
scivola il mare sotto il nostro letto,
ed è perfetto.