Cerca nel blog

venerdì 26 giugno 2015

CI TIENE INSIEME LA STESSA CATENA





 
 
CI TIENTE INSIEME LA STESSA CATENA
 
Ci tiene insieme la stessa catena...
e camminiamo nella stessa strada.
Dio prigioniero o inconsapevole schiavo,
felice eroe o disperato assassino...
per molto o per poco ( un soffio di vento)
dentro sogni di vita e oltre cercando.
Noi dipingiamo i nostri anelli di oro,
li coloriamo di cielo e di prato,
delle volte pure di notte nera,
dove non palpita stella nè luna,
ma dentro cerchi e robusti confini,
ci tiene insieme la stessa catena







.


giovedì 25 giugno 2015

SCRIVERE POESIE


 
 
 
 
SCRIVERE POESIE

Cercare il senso, o forse solo un fiato...
suppone cose e vite definite,
perciò cercare credo sia sbagliato
suppone luoghi in cui sono smarrite.
Cercare dentro aperte vene vita...
(la linfa o sangue, tutto scorre uguale),
trovare solo, inferta, una ferita,
riderci dopo, pure se fa male.

 
Cosa cerchiamo? Cosa? Solo ascolto!
Tra sassi e mare, amare, amare, amare.
E quel respiro dato che ci è tolto.
Cosa cerchiamo? Solo non star soli.
Tra sassi e mare, amare, amare, amare.
E una carezza calda che consoli






venerdì 19 giugno 2015

DANZE CIRCOLARI





 
 
 
 
 
 



DANZE CIRCOLARI

Tra due binari balla e soffia il Tempo:
  danze di sempre, danze circolari.
Ha messo ancora il suo vestito bianco,
tesse e ricama giri, e passi spira.
Tesse e ricama un mondo di colori,
tesse e ricama un mondo di figure,
(tesse e ricama, o siede sul suo trono
e a noi dice parole come queste:
mai, sempre, adesso, e notte, e vien l'aurora,
ieri, domani, e morte ed il futuro).
Materia a destra, l'anima in là, pura,
con dentro noi tritati tra due mura.
Siamo parole nate per l'azione
con ali grandi pronte a volar via,
ma poi ci tiene, a terra, nostalgia!
 
 
 




giovedì 18 giugno 2015

DIO ED IO

 
 
 
 
 
 

DIO ED IO

Vorrei avere gli occhi per guardare
oltre i cieli, entro i mari,
che attraversino amori,...
che abbraccino dolori,
occhi che vedano oltre il limitare.

Ma io non cerco Dio.

Vorrei udire urla mai gridate,
lamenti soffocati,
dolori mascherati,
sospiri inascoltati
dolci discorsi amati ma negati.
Ma io non cerco Dio.

Vorrei del vento l'anima afferrare,
essere mare, idea,
luce sulla marea,
sogno che vive e crea,
della tua mano linea da segnare.
Ma io non cerco Dio.

E so che non c’è DIO...
IO non lo sto cercando.
 
 
.

mercoledì 17 giugno 2015

NERO

 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
NERO
 
Arrivi silenzioso, inavvertibile
ombra dei miei paesaggi.
Mi accorsi di te solo quando
  mi mancò la luce
 Infido colore parassita,
  d'altri colori ti nutri.
Pure, maledicendoti,
l’arcobaleno a te s’inchina
e ti chiama "Re della notte".
Forse sa di altre storie:
non a torto ti vuole
profeta di albe rosa,
buio che, nascondendo,
separa il nulla dalla esistenza.
Pure sei nelle cose:
già ti vidi distinguere forme,
dare corpo ai colori.
Dunque...porti vita,
o morte?
 
 
 
 

lunedì 15 giugno 2015

RONDO' PER UNA STELLA CADENTE

 
 
 
 

 
 
 

RONDO' PER UNA STELLA CADENTE

Sopra la sdraio, stesa su di un telo,
respiro a lungo l'aria del mio mare,
a naso in sù, guardando verso il cielo, 
  io sogno e credo, lieve, di volare.


Dal mare al cielo, nuovamente al mare:
- Che meraviglia! Quasi una magia!
Volo e mi pare come di danzare,
godo e ridendo dico: ma è follia!

Giro e volteggio piena d'allegria,
tra bianche nubi, verso la mia stella...
s'è fatta sera, provo nostalgia
della mia terra, pure tanto bella.

S'azzurra il cielo, brilla una fiammella,
poi, mille e mille, bucano la volta:
Dammi una scheggia piccola mia stella,
una soltanto, lascia ti sia tolta!

Sopra la sdraio, guardo in sù la volta,
scorgo una luce, scende come un velo,
vola leggera e il mare già l'ha accolta...
d'averla in mano, questa sera anelo.

domenica 14 giugno 2015

LECITA DOMANDA

 
 
 
 
 
 
LECITA DOMANDA
 
"Ma tu sei vecchia?" Domanda da follia.
Tu sei bambina e gli occhi tuoi son belli,
e con me giochi e cadi ai miei tranelli....
un po' per finta, molto per magia .
 
Resti sorpresa e sbirci nel mio volto,
gli anni ci sono, eppure con te canto,
e mille storie invento e me ne vanto,
e l'entusiasmo ancora non m'è tolto.
 
Però, sapessi quanto mi ha ferita
la tua domanda semplice e crudele!
M'ha messo in cuore dell'amaro fiele,
perché m'esclude troppo dalla vita.
 
"Ma tu sei vecchia?" Forse non sapevi...
sai?...Quell'amore immenso che mi coglie,
e come a un parto presa dalle doglie,
mi nasce il sole e scioglie le mie nevi.
 
Ora sorridi e cerchi il mio sorriso...
io e te vicine, stesso cuore... e il viso?

mercoledì 10 giugno 2015

SOGNO BIANCO







 

 
SOGNO BIANCO ( glosa)
 
Mi manchi, dolce sogno bianco tolto...
la tua carezza è lieve come piuma,
di neve fresca, scivola sul volto,
nella mia mente, assente sei, tu bruma.
E sogno resti, dolce sogno bianco.
 
Ti cerco, dentro strade trasparenti,
nascosto dalle note, quasi avvolto
nel silenzioso suono dei conventi.
Mi manchi, dolce sogno bianco tolto.
 
So che tu esisti, pure se conosco
solo il tuo cuore e, come il mare e schiuma,
le nostre vite s'amano nel bosco.
Nella mia mente, assente sei, tu bruma.
 
Tu finto, sogno caro in ossa e pelle,
io t'amo come vero e t'amo molto,
tu ombra, prendi luce dalle stelle,
di neve fresca, scivola sul volto.

 
Ecco che s'apre il bosco a nuova luce,
del sole caldo, tutto ora si alluma,
trovo la strada nostra ,a te conduce,
la tua carezza è lieve come piuma.
 
Ma la carezza resta lì, lontano,
non viene dove aspetto, tu sei stanco:
svanita è l'ombra, ormai, dalla mia mano.
E sogno resti, dolce sogno bianco.

PREGHIERA









Preghiera

Per me che non ho Dio:
Cos’è questa preghiera
che dalla terra sale
e muove i fili d’erba
e incurva le colline
e poi raggiunge il cielo,
e dà luce alla luna
e il petto infuoca al sole,
che fa correre i fiumi
a valle fino al mare?

Per me che non ho Dio:
Cos’è questa preghiera
che scorre nelle vene
e pulsa dentro il cuore
che m' entra nella testa
e lì si assedia e resta
a tormentarmi i giorni,
che dà luce ai miei occhi,
che solo se mi tocchi
mi scolorisce il viso
e bacio il tuo sorriso?

Per me che non ho Dio:
Cos’è questa preghiera
che nasce dolcemente,
ma poi crescendo urla,
tremenda oltre i confini,
perché ha scoperto il velo
che copre ogni dolore,
che con la morte muore,
quando non c’è più fiato,
nell’ora del commiato?

Per me che non ho Dio:
Cos’è questa preghiera:
cos’è questo respiro
che dà vita alle cose,
che fa vestir le spose,
che fa i silenzi pieni
d'incanto e sogni ameni,
che chiede di sperare
e tanto mi fa amare?...
Che tanto mi fa amare!
(Milvia Di Michele)

mercoledì 3 giugno 2015

E POI SI SOGNA ( menzione speciale al premio "VOCI" 2017 di Abano Terme)



(che il colore viola perda il rosso del sangue, che tutti abbiano un cielo azzurro)

 E POI SI SOGNA

 E poi si sogna.
Sapresti dirmi della terra amara,...
delle mie scarpe rotte e di chi sfotte
e sospirando dice ...ah la natura!?...
La timidezza quasi una vergogna.
E poi si sogna.
E poi si sogna e sogna, allora ed ora,
e il sogno segna il suo tracciato viola,
che dirmi vuole...vola, e sono sola,
con il mio orgoglio timido e testardo.
E poi si sogna.
E il sogno pare inutile e beffardo,
Il mio colore viola è come un lutto,
ma tutto il cuore aspira al cielo azzurro,
che narra fresche favole e m'incanto.
E poi si sogna.
Aspetta,ingoio un poco del mio pianto.


lunedì 1 giugno 2015

LA LACRIMA

 
 
 
 

 
 
 
LA LACRIMA
 
Tra nere ciglia brilla...
è bella la tua lacrima.
Prezioso, il tuo universo,
d'improvviso, si mostra.
Oh! E' per pochi questo incanto.
I deserti disseta
la tua goccia di vita
che chiede: io t'amo, tu mi ami?
Oh! E' tutto mio questo incanto.