Cerca nel blog

martedì 24 luglio 2012

mercoledì 4 luglio 2012


CHATTARE SU FB E' ANCHE QUESTO
10 ottobre 2009

e
&&&&&&&&&&&&




sto a ride a crepapelle sole sole
e sta cose mo proprio me cunsole
a sapè ca certe vote,anzi spesse
la mane su la teste me so messe
picchè me credei e nin è strane
ca la soluzione stei assai luntane


..lasoluzioneètua...nunèlamia...
   quannoscrrivemostamo'ncompagnia...
seridisolasolaacrepapelle...
ballisurmonnoelascilestampelle...



io sto a cucinà sagne e fasciule
da magnà stasera che certe amiche
me sto a divertì,ma sa che te diche?
tinga lascià pure se me dispiace
ca llu marite me nen me da pace



splendida la sonorità del tuo linguaggio...è arcaica...è divertente...adesso capisco la tua scelta...comunque...comincia a sciogliere i nodi...

...sèi fortunata...co' fasciule e sagne
...mejio dé chi cià fame...e solo piagne...
'n te lamentà dell'omo c'hai sposato...
è sempre mejio dé chi n'ta mai guardato...l
'amiche pòi vedelle tutto l'anno...
ma quanno viè la notte sé ne vanno...
certe vote però sole me lasse
pe se ne ì belle belle a spasse
allore a la faccia su y m'innamore
de chi n'sogne de me cerche l'addore
ma l'ha lette lu marite me e ha dette
quesse significhe che vu n'atre a lu lette
povera me! La rima è traditore
e y spere ca tu sì nu gran signore
a scherzà ogni parole è belle
ma y so ‘ngenue come ‘nciele li stelle
...m'hai fatto ride assai co' 'sté parole...
pure sé scottano come scotta ér sole...
co' le parole io nun scherzo mai...
sò pé fa bène...e no pé armà li guaji...
parlo co' tutti co' la stessa maniera...
speranno pure che tu sì signora...
volesse bene pé me è la speranza...
che 'n giorno ér giusto stravince l'ignoranza...
e pé dì ér vero...nun sò così fésso...
dé pensà che l'amore è solo sèsso...



sciabbenedette ca li si capite
ca cacche vote scrive chi li pite
ca se ce mettesse tempe e cocce
li poesie me fussere rocce.
Però pe fasse dù risate
se po' pure fà na pazziate
senza pensà e... cuma vè a vè
va bbone a me e forse pure a te!
...e quanno cé va bene a tutti quanti...
metto ér cilindro bastoncino e guanti...
e quanno sento che torna l'allegria...
ér mejio mé fa sempre compagnia
...e così sia...amica mia...e così sia...


chi lu cavalle e che la carrozze
vulesse i a spasse ma nin pozze,
ma venute a mente stu desie
picchè a guante e cilindre putesse fa compagnie...
li favole antiche me so' sempre piaciute

picchè papà mie mi cià crisciute
accanta a lu foche certe sere fredde e scure
me raccontei storie de paure
storie di magie e di re
ma li piatte li stei a lavà la mamma me.


...........................
Oggi la rime me vè mbò stunate
sarà ca ire sere me sò fracicate,
so ite a vedè lu film " Baaria"
n'compagnie de lu marite mia
seme 'ndrate ca ci stei lu sole
e rscite fore ca pareie lu mole.
Oddie lu cile quand'acqua ca ittate!
Proprie pe quesse me so' fracicate!



(se ti va, c'è qualcosa tra le mie note. sarei curiosa...)
..."sarei curiosa"...té sei messa a raggionà
...'ndovina grillo...nun c'è mistero
...è proprio tutto chiaro..
.'n se po'scambià la zebbra cor somaro...

Si la zebra è a strisce,però la ierve magne
e pe mmè l'asene i pò esse cumbagne
eppure penzo ca tra li dù, nè lu vere
ca la zebre tè cchiù bone lu penziere.